Dizionario Italiano Friulano

Il più completo dizionario dall'Italiano al Friulano (oltre 76.000 lemmi), ottenuto dall'integrazione del Grant Dizionari Bilengâl Talian Furlan del CFL2000 con il Dizionari Ortografic Furlan della Serling.

chiaro adi., av., s.m.

  1. 1a
    adi. [FO] (lusorôs, slusint) clâr
    • luce chiara, lûs clare
    (plen di lûs) clâr
    • un tinello molto chiaro, un tinel une vore clâr
    1b
    adi. [FO] (di timp, cîl, aiar, seren) clâr
    • cielo chiaro, cîl clâr
    • una bella mattinata chiara, une biele matine clare
    1c
    adi. [FO] (di aghe o altri licuit, limpi) clâr
    • un bel bicchiere di acqua chiara e fresca, une biele tace di aghe clare e frescje
    • olio chiaro, vueli clâr
    • miele chiaro, mîl clare
    2a
    adi. [FO] (di colôr, lizêr, pôc vîf) clâr
    • giallo chiaro, zâl clâr
    • grigio chiaro, grîs clâr
    (che al à colôr lizêr, pôc vîf) clâr
    • una giacca chiara, une gjachete clare
    2b
    adi. [FO] (di colôr pôc intens, spec. in confront di tonalitâts plui scuris) clâr
    • occhi chiari, voi clârs
    • barba chiara, barbe clare
    • birra chiara, bire clare
    3
    adi. [FO] (famôs) lusorôs
    • un chiaro protagonista della nostra storia, un protagonist lusorôs de nestre storie
    4a
    adi. [FO] (che al è facil di capî, palês) clâr
    • parole chiare, peraulis claris
    • la soluzione del problema è chiara a tutti, la soluzion dal probleme e je clare par ducj
    4b
    adi. [FO] (di cdn., che al fevele in mût facil di capî) clâr
    • il professore è stato molto chiaro, il professôr al è stât une vore clâr
    4c
    adi. [FO] fig. (che al pant scletece, onestât) clâr
    • uno sguardo chiaro e sicuro, une cjalade clare e sigure
    (in ûs impers.) clâr
    • è chiaro che il compito sarà difficile, al è clâr che il compit al sarà dificil
    • sia chiaro che non voglio problemi, che al sedi clâr che no vuei problemis
    (tes rispuestis, tant che afermazion) sigûr, clâr
    • "Hai riposato abbastanza?" "Chiaro!", "Âstu polsât avonde?" "Sigûr!"
    5
    adi. [FO] (che si viôt, che si sint ben) clâr
    • avere una voce chiara, vê une vôs clare
    6a
    adi. [FO] (net, just) clâr
    • ho le idee ben chiare su come andrà a finire, o ai lis ideis bielis claris su cemût che e larà a finîle
    6b
    adi. [FO] (ciert, sigûr) clâr
    • dammi una risposta chiara, dami une rispueste clare
    7
    adi. [FO] (determinât) clâr
    • avere la chiara intenzione di guadagnare, vê la clare intenzion di vuadagnâ
    8
    adi. [TS] mar. (massime di cuarde o di cjadene, che no àn intops) clâr, libar
    9
    adi. [TS] tipogr. (caratar cui elements verticâi une vore fins) clâr
    10
    adi. [TS] fon. (no com., vt. anteriore)
  2. 1
    s.m. [FO] (lûs, lûs dal soreli) clâr
    • andiamo al chiaro per leggere meglio, anìn tal clâr par lei miôr
    • andare a dormire quando è ancora chiaro, lâ a durmî che al è ancjemò clâr
    2
    s.m. [FO] (colôr lizêr, pôc vîf) clâr
    • vestirsi di chiaro, vistîsi di clâr
    3
    s.m. [CO] (spec. tal pl., lis parts plui claris di un dissen, cuadri e v.i.) clâr
    • in questa stampa i chiari prevalgono sugli scuri, in cheste stampe i clârs a prevalin sui scûrs
  3. 1
    av. [FO] (in mût distint) clâr
    • vedere chiaro, viodi clâr
    2
    av. [FO] (che si capìs ben) clâr, a clâr
    • scrivere chiaro i risultati di un'esperienza, scrivi a clâr i risultâts di une esperience
    3
    av. [FO] (cun scletece) clâr, a clâr, a palês
    • parlami chiaro e dimmi cosa pensi, fevelimi a clâr e disimi ce che tu pensis