Dizionario Italiano Friulano

Il più completo dizionario dall'Italiano al Friulano (oltre 76.000 lemmi), ottenuto dall'integrazione del Grant Dizionari Bilengâl Talian Furlan del CFL2000 con il Dizionari Ortografic Furlan della Serling.

largo adi., av., s.m.

  1. 1a
    adi. [FO] (che al à une largjece di plui di ce che e je la norme o di ce che al è par solit) larc
    • è una scrivania molto larga, e je une scrivanie une vore largje
    • sono larghi questi calzoni, a son larcs chei bregons ca
    1b
    adi. [FO] (che al à une cierte largjece) larc
    • questo muro è largo un metro, chest mûr al è larc un metri
    2
    adi. [FO] (par marcâ che nol è stret, ampli) larc
    • è una strada larga, e je une strade largje
    • il campo è largo, il cjamp al è larc
    (bondant) larc, grant
    • una larga parte del pubblico lo apprezza, une grande part di public lu presee
    3
    adi. [FO] (di braçs o gjambis tignudis viertis) larc, viert
    • era disteso con le braccia larghe, al jere distirât cui braçs larcs
    • stava a gambe larghe, e steve cu lis gjambis largjis o ancje viertis
    4
    adi. [FO] fig. (di cdn. gjenerôs) larc
    • è largo nelle promesse, al è larc di promessis
    • è sempre stato largo nel concedere, al è simpri stât larc intal concedi
    5
    adi. [FO] fig. (bondant) grant, grues, larc
    • ho larghe possibilità di successo, o ai grandis pussibilitâts di sucès
    • ho un largo margine di sicurezza, o ai un limit di sigurece biel larc
    6
    adi. [FO] fig. (che no si ferme al significât leterâl) larc, libar
    • ha dato una larga interpretazione del testo, al à dât une interpretazion largje o ancje libare dal test
    7
    adi. [TS] fon. (di vocâl che tal canâl fonatori e à une articolazion plui vierte che no altris che a son consideradis sieradis) larc
    8
    adi. [FO] (spec. compagnât di un mot, al sta a dî che un alc al à une cierte largjece) larc
    • è largo così, al è larc par ca
  2. 1
    s.m. [FO] (largjece) bande largje, larc
    • misurare per il lungo e per il largo, misurâ par lunc e par larc
    2
    s.m. [CO] (spazi libar) place, sît, puest, spazi
    • lascia un po' di largo, lasse un pôc di place o ancje di sît
    (in loc.pragm.) larc, lûc, sît, spazi
    • fate largo!, dait larc!
    • fate largo ai giovani, dait o ancje fasêt sît ai zovins
    (parâ in bande par vierzisi un passaç) larc, strade, puest, spazi
    • si fecero largo tra la gente, a faserin larc o ancje si faserin strade jenfri la int
    3
    s.m. [FO] (piçule place, spazi libar te crosere di plui viis) slarc, splaç
    4
    s.m. [TS] ecuit. (tai concors ipics, l'ostacul costituît di doi plans verticâi fats di dôs barieris une sore di chê altre) larc
  3. 1
    av. [FO] (par dî di stâ lontans) larc
    • bisogna girare largo, bisugne zirâ larcs
    2
    av., s.m. [TS] mus. (indicazion di eseguî in maniere plui lente dal adagio) largo
    [TS] mus. (toc o moviment che al à di sei eseguît daûr di cheste indicazion, ancje cu la iniz. maiusc.) Largo