Dizionario Italiano Friulano

Il più completo dizionario dall'Italiano al Friulano (oltre 76.000 lemmi), ottenuto dall'integrazione del Grant Dizionari Bilengâl Talian Furlan del CFL2000 con il Dizionari Ortografic Furlan della Serling.

libero adi., av., s.m.

  1. 1a
    adi. [FO] (cui che nol è in sclavitût, che al à i dirits legâi e politics) libar
    • tutti gli uomini nascono liberi, ducj i oms a nassin libars
    (ancje fig.) libar, sfrancjât
    • essere libero dal fumo, jessi libar dal fum
    1b
    adi. [FO] (che nol è in preson) libar
    • lo hanno lasciato libero dopo due mesi di prigione, lu àn lassât libar daspò doi mês di preson
    (intal zuiâ di platâsi o di fâ presonîrs, no cjapât o liberât) libar, liberât
    • liberi tutti, libars ducj
    1c
    adi. [FO] (che al po decidi cence condizionaments) libar
    • essere liberi di dire ciò che si pensa, jessi libars di dî ce che si pense
    • libero come l'aria, libar tant che l'aiar
    • avere le mani libere, vê lis mans libaris
    (tal sup., cun valôr rinfuarcitîf)
    • puoi restare o andartene, liberissimo, tu puedis lâ o restâ, libar tu
    1d
    adi. [FO] (emancipât, cence oblics, cence leams familiârs o afetîfs, cence difiets) libar, franc, indipendent, autonom
    • oggi i giovani sono più liberi, vuê i zovins a son plui libars
    2a
    adi. [FO] (che nol à oblics o impegns particolârs, indipendent, autonom) libar
    • verrò quando sarò libera, o vignarai cuant che o sarai libare
    (di dade dal timp, che no si è ocupâts) libar
    • domani ho un po' di tempo libero, doman o ai un pôc di timp libar
    2b
    adi. [FO] (che nol à impegns sentimentâi) libar
    • si sono lasciati e ora sono liberi, si àn lassâts e cumò a son libars
    2c
    adi. [FO] (che nol à cualchi pecje) libar
    • libero da vizi, libar di vizis o ancje cence vizis
    2d
    adi. [FO] (comut, che al sta ben) libar
    • quando sono a casa mi piace sentirmi libero, cuant che o soi a cjase mi plâs di stâ libar
    • mi sento libera in questo vestito di lino, mi sint libare cun chest vistît di lin
    3
    adi. [FO] (par un animâl, no leât, cence impediments) libar
    • le pecore sono libere di pascolare, lis pioris a son libaris di lâ a passon
    • ho lasciato libero il cane, o ai lassât libar o ancje o ai molât il cjan
    4a
    adi. [FO] (in sens politic, che al à autonomie o indipendence, nol è dominât di difûr) libar
    • il Paese Basco vuole essere libero, il Paîs Basc al vûl jessi libar
    4b
    adi. [FO] (che nol à ostacui o impediments politics, economics, fiscâi e v.i.) libar, franc
    • è una merce libera, e je une marcjanzie francje
    • la vendita è libera, la vendite e je libare o ancje francje
    (di trasmission privade) libar
    • una televisione libera, une television libare
    4c
    adi. [FO] (che si davuelç intun clime di libertât politiche e religjose plene) libar
    • elezioni libere, elezions libaris
    4d
    adi. [FO] (fat cence sei obleâts) libar
    • libera scelta, sielte libare
    4e
    adi. [FO] (indipendent, autonom, o ancje privât) libar
    • scuola libera, scuele libare
    5a
    adi. [FO] (che nol à limitazions) libar
    • l'orario è libero, l'orari al è libar
    • l'entrata è libera, la jentrade e je libare
    (che nol è obleât) libar
    • la frequenza è libera, la frecuence e je libare
    5b
    adi. [FO] (che nol à schemis di rispietâ) libar
    • traduzione libera, traduzion libare
    • interpretazione libera, interpretazion libare
    5c
    adi. [FO] (di part dal cuarp, che no je peade di alc) libar
    • dopo un mese di gesso adesso ha il braccio libero, fat un mês di zes cumò al à il braç libar
    5d
    adi., av. [FO] (dal lengaç, dal puartament, che nol à inibizions) libar, franc, sclet
    • è piuttosto libero nel parlare, al è vonde franc tal fevelâ
    (ancje tant che av.)
    • parlare libero, fevelâ sclet
    6a
    adi. [FO] (no ocupât di altris) libar
    • al cinema c'erano pochi posti liberi, tal cine a jerin pôcs puescj libars
    6b
    adi. [FO] (no ocupât, no inderedât o impedît) libar
    • bisogna lasciare libero il passaggio, bisugne lassâ libare la strade
    6c
    adi. [FO] (cence paiament) libar, franc
    • entrata libera, jentrade libare o ancje francje
    7
    adi. [TS] bot. (di une part o orghin, che nol è tacât cuntun altri) libar
    • ovario libero, ovari libar
    8
    adi. [TS] entom. (vt. exarato)
    9a
    adi. [TS] chim., fis. (vt. allo stato libero)
    9b
    adi. [TS] chim. (vt. nativo)
    10
    adi. [TS] ling. (vt. aperto)
    11
    s.m. [TS] stor. (in Rome antighe, citadin che al à ducj i dirits civîi) libar
    12a
    s.m. [TS] sport (intal balon, difensôr che nol à compits di marcadure) libar
    12b
    s.m. [TS] sport (intal volleyball o bale a svol, zuiadôr che al pues jentrâ in cjamp inte linie difensive in cualsisei moment de partide cence bati o fracâ) libar
    13
    s.m. [TS] sport (vt. tiro libero)